Lenti a contatto - Punto Vista Caluso

Vai ai contenuti

Menu principale:

OTTICA
 

LENTI A CONTATTO
Oggi le lenti a contatto più impiegate nel mondo sono le lenti morbide o idrofile. Le lenti a contatto morbide o idrofile, così chiamate per il loro  contenuto di acqua che le rende morbide, sono costruite con polimeri plastici organici. Questi materiali rendono le lenti gradevoli nell'uso ma comportano anche degli inconvenienti.
Tutti i componenti organici delle lacrime aderiscono alle superfici delle lenti rendendone meno gradevole l'uso  I microrganismi aderiscono alle lenti e le trasformano in un ottimo terreno di coltura per la loro vita e riproduzione. Per ridurre questi  inconvenienti si sono previste lenti per un uso ridotto nel tempo, esse possono essere ad uso:

  • Giornaliero; queste lenti si usano un solo giorno e poi si eliminano

  • Quindicinale; queste lenti possono essere usate per un massimo di 15 gg . Esse vanno assolutamente conservate in una soluzione disinfettante/conservante per tutto il tempo che non si indossano.

  • Mensili; queste lenti possono essere usate per un massimo di 30 gg . Anche queste vanno assolutamente conservate in una soluzione disinfettante per tutto il tempo che non si indossano.



Come metterle ?
1  Lavarsi bene le mani insaponadole con un detergente neutro
 ed asciugarle accuratamente. Un particolare riguardo va alla
 lunghezza delle unghie che devono essere moderate.
2  Iniziare sempre con la lente destra per non confondersi
 
R= destra   L= sinistra
3  Controllare che la lente non si presenti rovesciata

 e porla sul dito indice ben asciutto
 Nota: usare il dito destro per la lente destra e
  il dito sinistro per la lente sinistra
4   * con la lente sull'indice, dalla parte dell'occhio prescelto, usate il dito indice dell'altra mano per alzare la vostra palpebra superiore verso il sopracciglio.  Usate il medio della mano con cui operate l'applicazione per abbassare la palpebra inferiore e quindi ponete la lente centralmente sul vostro occhio
 
 * mentre tenete questa posizione guardate in basso o dritto, secondo la posizione della testa bassa o dritta, e applicate la lente adagiandola bene sull'occhio.
   * delicatamente rilasciate la vostra palpebra e fate leggermente

roteare l’ochio in tutte le direzioni seguita da un leggero massaggio palpebrale affinchè la lente si adatti perfettamente al bulbo oculare
Come levarle ?
5  Ripetere come il punto 1
6  Ripetere come il punto 2
7 Accertarsi che la lente sia nella posizione corretta sul vostro occhio prima di cercare di rimuoverla (una semplice prova della vista, chiudendo un occhio  per volta, vi evidenzierà se la lente si trova nella posizione corretta)

Guardare in alto e delicatamente abbassare la palpebra inferiore con il dito medio della mano con cui rimuovete la lente e ponete il vostro indice e pollice sul bordo inferiore della lente

Fare scorrere la lente in basso verso la parte bianca dell'occhio, premere la lente sull'occhio tenendola tra pollice e indice,quindi staccarla come per pizzicarla. Evitate di stringerla troppo per non romperla evitando di far attaccare insieme i bordi  della lente




Consigli utili:

  • Le lenti non devrebbero mai essere portate per tutto il periodo di veglia ma solo 8 - 12 ore al giorno secondo sopportabilità individuale, l'uso in eccesso provoca un'alterazione della fisiologia oculare e quindi dei disturbi che permangono e si  risolvono con difficoltà.

  • Un sintomo di un uso eccessivo è dato dalla sensazione visiva di aloni attorno alle luci, non dormite mai con le lenti ad eccezione per le lenti ad uso prolungato utilizzabili però solo per pochi giorni di seguito

  • Se la visione con le lenti non è nitida provate a massaggiare la palpebra chiusa per centrare la lente. Se la situazione non migliora controllate se la lente è uscita dall'occhio, se avete invertito la lenti, se esse sono rovesciate o sporche.

  • Prestare attenzione all'uso di cosmetici, creme, lozioni o detersivi perché potrebbero rovinare le lenti ed irritare gli occhi, soprattutto alle lacche o spray in genere che rimangono nell'aria.

  • Non utilizzate le lenti in caso di malattie dell'occhio né colliri con le lenti indosso.

  • Per qualsiasi disturbo interpellateci.


 
 
 
 

Anche qui la figura di LEONARDO

Sapevate che la nascita della lente a contatto è fatta risalire a Leonardo da Vinci; nel 1508 verificò che immergendo l'occhio in una sfera contenente acqua, esisteva un continuo ottico fra la superficie interna della sfera di vetro, e quella esterna della cornea. Nel 1636 Cartesio perfeziona l'idea di Leonardo, spiegando che un tubo riempito d'acqua e appoggiato sulla cornea, avente una lente all'estremità che sia perfettamente sovrapposta alla cornea stessa, annulla o riduce le anomalie refrattive dell'occhio.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu